Sunday, July 17, 2011

Soufflé glacé and MTchallenge






This is the first time that I take part in the MTchallenge from Menu Turistico. I found out about these challenges visiting Italian blogs: at certain times of the month many bloggers seemed to post the same recipe, and I was getting quite confused... and then I found the blog Menu Turistico and (hopefully) understood how it works. Every month there is a cooking challenge, and the winner has to decide on the following challenge. Some challenges seem to be ... challenging, some are more creative, but there are always some obligatory ingredients and techniques. 

The original recipe is from Loredana and you can find it here (in Italian). For the callenge we were allowed to follow the same recipe, or make variations, or make a different soufflé glacé, as long as it was a  soufflé glacé, in taste and appearance, and not a semifreddo or something else... and that we used egg whites for the base, prepared following the Italian meringue method (and not other methods), plus the addition of a sauce/topping... in a few words, something colourful! I decided to go for the original recipe mostly because it had yogurt: my boy is not keen on spoon desserts (unless they have dark chocolate) but he likes yogurt: I could always sell it to him as frozen yogurt! 


The ingredients from Loredana:
  • 3 egg whites (About 100g)
  • 200 g icing sugar
  • 100 ml water
  • 200 ml cream
  • 250 g plain yogurt 
  • 1 tbsp fruit compote

I must confess that I really enjoy making Italian meringue, possibly because it is not something that I see  here in New Zealand. Beat the egg whites really stiff, in the meantime make a syrup with the water and icing sugar (I never used icing sugar for the syrup before, so this was a new one for me!). I don't have a sugar thermometer (didn't I say this already?? A few times?? Yep!) but you see, Loredana doesn't talk about temperatures, she just says to make quite a thick syrup. Ahh, a real home cook! I made my 'thickish' syrup, and I wish that I could explain it better, but it is that stage when the syrup just start to get a little white and you can smell candy floss. Pour the hot syrup slowly into the egg whites and keep beating until they are cold (see first photo below on the left). In the meantime whip the cream, fold in the yogurt, and then fold with the Italian meringue. 

Wrap some baking or cooking paper around the ramekins, leaving about 5 cm border at the top, and securing them with kitchen string (large photo below on the right). The idea looked pretty but... I don't really have the right ramekins: they are not straight but open up at the top, even if very lightly, and although they looked pretty with a kitchen string ribbon... after the first one I secured the others with Sellotape :-P!! I filled the ramekins with the soufflé mixture and I placed them in the freezer.




Next the fruit compote. I heated a few frozen raspberries with a tsp of sugar and mashed them into a sauce. When the soufflés were set I removed a little from the centre and ate it. I loved this step. Place the soufflés back into the freezer until serving time. Finally it was time to serve my soufflés glacés so I filled the holes with the fruit sauce (second image on the left), removed the paper and decorated the tops with a raspberry, a violet (edible) and mint tips. Because there is so much sugar, air and fat in these soufflés, they don't freeze into a block of ice: they are firm yet soft. I will make them again, but smaller portions (here I made 4, but they were rugby player's portions, I think that I should use smaller - and straighter ramekins, and make 6, or even 8) and I will try to use less sugar next time (the boy complained that they were too sweet for his), just to see what happens. 


But for now I am very happy to have tried this lovely recipe, and to be part of the MTchallenge for July. Thank you Menu Turistico and Loredana!

Un PS in italiano: vorrei fare una nota sul colore del mio soufflé: la panna in Nuova Zelanda è molto grassa e piena di vitamina A (le mucche sono al pascolo tutto l'anno, non mangiano fieno ma solo erba verde). Il risultato è che il burro è giallo, e la panna montata non è bianca bianca come in Italia, ma color... panna! Spiegato il colore 'pannoso' del mio qui! Grazie ancora per il challenge, baci A.







Photos and Recipes by Alessandra Zecchini  and http://lacucinadimamma-loredana.blogspot.com/©



41 comments:

  1. beautiful alexandra.. ur picture took my heart away . m sure its as delicious:)

    ReplyDelete
  2. bellissimo e colr panna come dovrebbe essere sempre!!! Alessandra questa è un'entrata alla grande! bella anche la foto.... Giorgia e i suoi 30 mm saranno certamente colpiti! Un abbraccio
    Dani

    ReplyDelete
  3. è molto bello....e i prodotti che vengono fatti con il latte delle mucche che mangiano erba fresca tutto l'anno sono molto più buoni, il burro giallo è molto più buono dell'altro e sicuramente sono meno inquinati....baci

    ReplyDelete
  4. :-) Daniela, confesso che faccio tutte le mie foto con l'iPhone adesso, troppo comodo in cucina!

    ReplyDelete
  5. Il tuo soufflé glacé è splendido, complimenti ^__^!!

    ReplyDelete
  6. Semplice, fresco, piacevole: l'ideale per questa calda estate!
    Delicatissima la tua presentazione!

    ReplyDelete
  7. è molto bello il procedimento e l'effetto cromatico, sono sicuro che anche il sapore conquista

    ReplyDelete
  8. Ciao alessandra per me e' un immenso piacere che tu mi abbia trovata!!!....sei davvero molto brava e il tuo souffle' sara' sicuramente molto saporito visto che e' fatto con panna "vera". Mi spiego, qui la maggior parte delle nostre mucche il prato non l'hanno mai "conosciuto"....nascono e muoiono in capannonni chiusi e chissa' che mangiano, ripeto la maggior parte.....ho assaggiato una panna come la tua in canada qualche anno fa e il sapore e' completamente diverso....piu' grasso ma piu' buono!!! ti ho aggiunto ai miei bolg preferiti così posso seguirti meglio....ciaoooo e complimenti.

    ReplyDelete
  9. So delicate and pretty! Love to try this out ! Thanks for sharing!

    ReplyDelete
  10. Ciao Alessandra eccomi qui a farti i complimenti per come hai realizzato la ricetta e poi la panna color panna è fantastica, mi domando cosa ci vendano qui in italia...mi dispiace che il tuo ragazzo ha dovuto mangiare un dolce estivo in inverno!!!
    ciao e bravissima!
    loredana

    ReplyDelete
  11. Way to go, Alessandra! It looks and sounds delicious and you did the challenge proud! Wish I could have a sample of it...

    ReplyDelete
  12. Bellissimo e buonissimo... e che foto invitanti!!

    ReplyDelete
  13. Accidenti, ma questo sufflè glaceé è perfetto! E immagino che sia tremendamente buono!!! Bravissima e...un grosso in bocca al lupo!!!!!!!!!!

    ReplyDelete
  14. La discussione sulla panna e latticini e' molto interessante. In Italia ho la fortuna di passare tempo in montagna e mangiare burro e formaggio di malga nella zona dove abita mia madre (Bellunese), anche il parmigiano che fanno nel caseificio di montagna del mio paese (Appennino modenese) ha un sapore speciale. . Non sarebbe meglio mangiare meno latticini, ma con piu' sapore e proprieta' nutritive, che mangiarne tanti di qualita' dubbia e provenienti da mucche che non vedono mai il cielo blu e l'erba verde, che non fanno sesso, e a cui sottraggono i vitelli troppo piccini? (se non appena nati, come i bufalini, perche' non sevono, mentre il latte si'?)

    So che in Italia le mucche non possono stare al pascolo d'inverno, come qui, ma una volta mangiavano fieno nelle stalle, il burro invernale era sempre saporito, ed anche il formaggio aveva un sapore particolare, in Emilia mi sembra che in dialetto mio padre chiamasse Vermingo il parmigiano Invernale, (credo, purtroppo non ho mai imparato ne' il suo dialetto ne quello di mia madre). Il formaggio di mucche che mangiano tutto l'anno gli stessi mangimi che sapore puo' avere?

    Vi ringrazio tutte per i bellissimi commenti, scusate se sono uscita con queste considerazioni, ma nella mia vita e lavoro io le faccio tutti i giorni, forse perche' e il mio modo di vivere e di mangiare :-). Grazie per avermi letto. Bacioni
    A.

    ReplyDelete
  15. The souffle looks lovely but I'm staring at those lovely colourful ramekins! :D

    ReplyDelete
  16. Ciao Alessandra! che piacere vedere un tuo commento del mio blog appena nato! Io vivo in un piccolo paesino del Basso Piemonte. Ho visto le tue foto: sono davveo splendide, abiti in un posto meraviglioso!!!Mi iscrivo subito tra i tuoi followers. Grazie e buona settimana.

    ReplyDelete
  17. Alessandra, bella ricetta, chissà se riuscirò mai a farcela! Dalle mie parti se si vuole mangiare buon formaggio è ideale quello di malga come dici tu. Con mia sorpresa, le mie vacanze in Gargano mi hanno fatto scoprire che lì le mucche pascolano libere. Le senti con i loro campanacci, attraversano la strada, e loro dettano il ritmo, anche quello delle fughe in macchina - che non si possono proprio fare, se te le becchi davanti che fai??? - e lì caciocavallo è giallo giallo! sà di fiori ed erba ... la stessa cosa l'ho provata in sicilia, basta cercare, in Italia si fanno anche le cose come si deve!!! (a volte ^_^ )

    ReplyDelete
  18. un'entrata davvero alla grandissima, brava!! benvenuta nel pazzo mondo dell'mt challenge, ormai sei spacciata... ;-)

    ReplyDelete
  19. Un vero spettacolo, tesoro!!! I miei complimenti, baci

    ReplyDelete
  20. ALessandra ciao, come non darti ragione sul latte che producono le nostre mucche e sui latticini? è ovvio che meno, ma più buono è meglio...qui le mucche che producono latte per fare il parmigiano mangiano tutto l'anno erba e foraggio diversi, vengono nutrite diversamente dalle altre, altrimenti non potrebbero dare quello che danno, sul parmigiano e su altri nostri formaggi, tipo il marzolino, fatto con latte munto appunto a marzo, ma quello vero, non i vari marzolino che girano dappertutto...abbiamo delle buone cose, ma abbiamo anche tanta contraffazione...
    sulle more, quelle di cui tu parli sono le selvatiche e sono molto più buone, sto aspettando che che signora dove mi servo al mercato me le porti, il fratello le raccoglie me le vende, sono piccole e dolci, molto meglio di queste con cui ho fatto questa confettura, sono quelle coltivate, meno dolci e meno saporite...un abbraccio, continua così con le tue meravigliose verdure....;-)

    ReplyDelete
  21. ciaoo a tutte... per rispondere a elenasole...e' normale che se cerchi trovi....il problema e' cercare!!!....ormai qui da noi soprattutto nel casertano non e' il caso di affidarsi anche solo per il problema delle falde acquifere ( e non voglio aggiungere altro!)....il salernitano e il cilento soprattutto sono il riferimento in questo momento....ma non si possono sempre fare 2 ore e mezza ad andare e 2 e mezza a tornare per comprare mozzarella burro o panna.....quindi ci si affida ai super mercati... da qui l'osservazione fatta ieri.....

    ReplyDelete
  22. Rosaria, ho sentito tante storie tristi sull'inquinamento del terreno in Campania (e non solo, ovviamente) e mi piange il cuore a pensare che posti dove si produce mozzarella e altre cose buone siano cosi' contaminati. Per chi vive in citta' diventa difficile e costoso comprare i prodotti bio, mentre dovrebbe essere la norma, non un lusso per i ricchi o il bottino di una lunga e occasionale scampagnata.

    ReplyDelete
  23. ma quanti anche questo bellissimo, c'è l'imbarazzo della scelta!

    ReplyDelete
  24. Alessandra purtroppo la situazione e' questa e ci dobbiamo "adattare"....ciaooo

    ReplyDelete
  25. ho sempre dtteo a mio marito che, per questo ed altri motivi, mi vorrei trasferire in un altro continente e pensavo all'australia....quasi quasi mi allungo e faccio un pensierino alla nuova zelanda... ;P

    ReplyDelete
  26. E' davvero bello il tuo soufflè glacè presentato così. E viste le materie prime usate ha sicuramente una gran bella marcia in più. Golosissimo ^__^ Buona settimana

    ReplyDelete
  27. That soufle of yours looks really elegant...I have yet to try italian meringue because the recipes always stress on getting the temperature right...I am always fearful of failure:P

    ReplyDelete
  28. Non avrò pace sino a che non farò questo delizioso dolcetto..superlativo!!!Concordo con le tue osservazioni!baci

    ReplyDelete
  29. They look so pretty!! Beautiful pictures...

    ReplyDelete
  30. Ciao, mi ha incuriosito il fatto che abbiamo lo stesso nome e sono venuta a dare una sbirciatina... molto bello il tuo blog con tante bellissime ricette, ti seguo volentieri.
    A presto Alessandra

    ReplyDelete
  31. Prima di tutto ci credi che ho dato una leccata allo schermo per assaggiare il tuo stupendissimo soufflè glacè??? Perfetto, bellissimo, si sente quasi l'aroma......complimenti Alessandra ti superi ogni volta e in bocca al lupo per MT Challenge, se non vicessi tu sono certa che arriverai nelle primissime posizioni :)

    Poi.
    Bella davvero la discussione su uova latte e derivati, allevamenti e normalità con cui si accetta questa condizione per milioni di animali.
    In Italia, come in tutti gli stati, esistono pascoli liberi in cui vive il bestiame in una condizione molto naturale, salvo poi terminare questa condizione dopo pochissimi anni (in media 3/4) nei piatti di qualcuno.
    Senza volerne fare una questione di diritti o di etica (ma del resto, perchè mai un cane dovrebbe avere il diritto di essere felice e una mucca no per me rimane un mistero), considero più che mai appropriata la tua disamina e trovo che sì, dovrebbe essere normale avere il burro giallo e la panna color "panna", dovrebbe essere normale vedere le mucche e i vitelli al pascolo liberi, dovrebbero essere normali molte più cose naturali invece dei surrogati industriali che ci vengono proposti come delizioni, irrinunciabili e non sono nemmeno paragonabili agli "originali".
    Non è così, attualmente.
    Ma fermamente credo che tutti dovremmo impegnarci a fondo per iniziare questo cambiamento, l'atteggiamento arrendevole del "non faccio niente tanto non serve, io non conto niente decidono le alte sfere" è controproducente: il potere ce l'ha la gente, se tanta gente comincia a far sentire la propria voce, là in alto le grandi corporazioni prima o dopo ascolteranno. E sinceramente credo che in molti, questa rivoluzione, l'abbiano iniziata: anche da un blog, come te Alessandra.
    Io ci credo e ci provo....perchè il burro sia burro e il vitello cresca con la sua mamma.
    Un bacione Ale, sei un tesoro :)
    Bibi

    ReplyDelete
  32. Il tuo dolce e favoloso!Bravissima,carina!

    ReplyDelete
  33. @ Bibi, grazie mille per il tuo prezioso intervento, avevo scritto un papiro di risposta e poi mi e' saltata la connessione, ma forse e' meglio cosi' (chiacchiero troppo!), l'importante e' che riflettiamo su queste cose, e poi agiamo di conseguenza :-). Brava carissima!

    Ciao
    A.

    ReplyDelete
  34. Alessandra, these look so beautiful! I love your use of the violet and mint tips. Just gorgeous!

    ReplyDelete
  35. ma ti è venuto perfetto, tutto diritto, senza una sbavatura! e la decorazione poi...
    sei proprio una professionista!

    e non oso immaginarne il sapore, con la panna delle mucche vere che mangiano cibo per mucche vere

    ReplyDelete
  36. Gaia, il sapore e' molto... ricco!

    ReplyDelete
  37. uauuuuuuuuuuuuu, piacere di conoscerti! :D come potrai capire dal MT sono capitata qui a vedereil tuo soufflè e la tua panna color PANNA!
    fantastica , soprattutto la spiegazione! davvero una bella scoperta
    a presto e in bocca al lupo:)

    ReplyDelete
  38. il burro giallo e la panna color panna dovrebbero rientrare nella normalità delle cose, purtroppo non è così per cui tripla invidia per te che ne puoi godere, per il posto in cui vivi e che penso sia uno dei più belli al mondo e per questo perfetto soufflè!

    ReplyDelete

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails